Partecipazione al Concorso “Città di Pietra”, Fondazione la Biennale di Venezia

Sensi Contemporanei per la 10° Mostra Internazionale di Architettura – Venezia, Italy

Località Location
Bari – Italy

Progettisti Design architects
Arch. Luca Curci
Arch. Pietro Capitaneo

Superficie costruita Built area
265.850 mq

La città di pietra si è stratificata nei secoli in perfetta armonia con l’ alternanza di architettura sacra e architettura profana.
La nuova città di pietra a Punta Perotti, luogo di Bari tristemente noto per gli ecomostri recentemente demoliti, ripropone l’ importanza dell’ equilibrio tra gli spazi riservati alla cultura dello spirito e quelli dedicati alla cultura civica.
L’equilibrio da ristabilire, è stato perseguito cercando un nuovo rapporto con il mare.
Il lungomare che attualmente separa la costa dalla zona di intervento, è stato deviato e portato in adiacenza alla linea del ferro, con verde e alberature che separano le due corsie di uscita e di ingresso a Bari.
La Lama S. Giorgio in prossimità dello sbocco a mare è stata trasformata in un porto -canale per consentire l’ attracco della caravella di San Nicola.
Una statua del Santo Protettore, rivolta ad oriente , è stata posizionata in mare e collegata con un pontile in legno alla terraferma.
Quattro grandi isolati pedonali delimitati a nord dalla linea di costa e a sud dall’ ampio boulevar si articolano e delimitano un percorso ideale che attraversando piazze e slarghi porticati giunge all’ Auditorium e alla Biblioteca per proseguire con una vera e propria via sacra sino alla Chiesa Ecumenica e alle Cappelle.

The stone-city evolved in perfect harmony with the changes in sacred and profane architecture during centuries.
The new stone-city in “Punta Perotti”, unfortunately famous thanks to the recently demolished “ecomonsters”, reproposes the importance of the equilibrium between the spaces dedicated to spiritual culture and those dedicated to civic culture.
The equilibrium to stabilize was achieved through a research of a new relationship with the sea. The seaside, which actually seperates the coast from the construction site, was by-passed and united the railroad line, together with the green areas that isolate the double sided road towards Bari.
Where The S. Giorgio Canion, meets the sea, is transformed into a channel-harbour to accommodate the boat, which carries the statue of San Nicola.
A Statue of the patron saint, oriented towards the east, is situated in the sea and is reached by an iron-wood wharf.
The four large pedonal parcels, surrounded by the coast to the north and a large buolevard to the south, create an ideal pedestrian way long the public squares and the porticated spaces that meet the Auditorium and the Library, and follows as sacred way until the Ecumenic Church and the Chapels.

concorso_biennale_001Image courtesy of Luca Curci Architects